Citazioni, Riflessioni

Sabbia che scorre nel vetro

Quando si vuole riprendere qualcosa che è stato interrotto molto tempo prima, ci si trova inevitabilmente a passare attraverso una breve fase di stasi in cui si confronta il presente con il passato, ciò che si è e ciò che si era.

E’ passato più di un anno e mezzo dall’ultima volta che ho scritto in questo spazio. In un periodo così lungo tante cose cambiano e, anche se non ci si rende conto, i cambiamenti più piccoli sono spesso quelli più determinanti, forse perché tendono a passare inosservati, finendo per essere accettati quasi inconsapevolmente: se durante la notte una bufera sposta un masso, ce ne accorgiamo la mattina successiva; ma se la forma del masso cambia a causa del vento debole che spira per un anno intero, difficilmente lo notiamo.

A me sono spuntati alcuni capelli grigi e ora vorrei tanto telefonare a Nutless, chiedergli se possiamo fare un’ultima corsa dietro alla luna o, se non è possibile, perlomeno fermarci a una fontana a pettinare gli anni. Ma non c’è nessuna spiegazione e ho capito che è inutile affannarsi a cercarne una. Così, cercando di scacciare la nostalgia, ho deciso di prendere una valigia vuota ed iniziare a slittare dolcemente in direzione dell’albergo con le  luci spente. Potrebbe sembrare il contrario, ma io lo trovo piacevole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...