Libri, Riflessioni

La scelta

Partirono. Ma dopo qualche centinaio di metri, il lupo di nuovo si accorse che il riccio non era accanto a lui. Tornò indietro e lo trovò steso a terra a pancia in sù, come quei meccanici che riparano il motore delle auto sdraiati sul pavimento dell’officina. Stava armeggiando con una corda sotto la panchina.
«Ma cosa diavolo sta facendo?»
«Sto cercando il modo di portarmi in viaggio la panchina, signor Lupo. Pensavo di legarla alla bici, cosa ne pensa?»
«Penso che bisogna scegliere cosa fare nella vita» disse il lupo burbero: «o si va o si sta, o bici o panchina».
Così il riccio inforcò la bici, felice di pedalare dietro al lupo, e un po’ infelice di lasciare la sua panchina amata. Prima di partire, le accarezzò a lungo le verdi listarelle di legno e le sussurrò di non preoccuparsi, che sarebbe tornato molto presto. E dentro di sé, in gran segreto, pensò che spesso nella vita sarebbe bello non scegliere affatto.

“E se covano i lupi”, Paola Mastrocola

Io aggiungo che: scegliere tra due cose implica rinunciare ad una di esse; non scegliere affatto potrebbe portare a perderle entrambe.

Annunci

Un pensiero su “La scelta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...